Filippo Bottini

“C’è un concetto che lega trasversalmente tutto ciò che ci riguarda. Il modo in cui percepiamo una certa cosa è unico, e solo chi la vive può veramente comprendere le sensazioni che essa gli suscita. Eppure c’è un area dai confini sfumati in cui le sensazioni possono trovare un accordo. Mi piace chiamarla poesia. Non si riferisce solo al campo delle arti visive o letterarie ma impregna tutto il nostro operare, coinvolgendoci tutti. E’ un lessico che non ha bisogno di parole, una parola subliminale, un istinto primordiale.

La mia ricerca è questa poesia del vivere.”

                           

Links to flickr and to behance.

Leave a Reply